19 luglio 2004

Limitare il traffico dei TIR

Passavo vicino al televisore, mi ci sono soffermato ascoltando un tizio intervistato da un giornalista che spiegava come avrebbe proibito il transito dei TIR nei giorni di grande afflusso sulle autostrade in questo periodo di esodo estivo.
Chiaramente sono tutte interviste ed interventi che vengono proposti nei TG dopo un grosso incidente, tipo quello avvenuto qualche giorno fa sul'A1. Come sempre si attuano misure d'emergenza, ci si fa grandi davanti alle TV e non si esamina mai il problema dalla radice cercandone una soluzione.
Il nostro paese vanta un primato europeo: quello del trasporto merci su gomma. L'87% del peso delle merci viene trasportato sulle strade contro una media europea del 75%. Eppure siamo circondati dal mare e il treno non lo si considera nemmeno più.

Lo si vede nella vita di tutti i giorni. Faccio il pendolare, da Vetralla a Roma con il treno linea FM3 Viterbo PF - Roma Ostiense. Poco più di 60 Km 1 ora e 45 minuti (!!!). Da Viterbo a Cesano è ancora a binario unico! Eppure tutti sono eccitati e indaffarati nella progettazione, e futura costruzione, della SuperCassia, una super strada che congungerà le due città. Io mi chiedo: una volta arrivati a Roma a tutta velocità, che si fa? Tenendo conto del traffico, dei parcheggi, dell'inquinamento, ZTL ecc...??? Però forse quello che si fa domande strane sono io.