25 ottobre 2004

Finanziamento conto terzi

Si parla spesso di tasse ultimamente. Il governo Berlusconi le vorrebbe tagliare l'opposizione dice che è inutile se poi i comuni rimasti senza fondi le dovranno aumentare.
Ma c'è un modo per risparmiare soldi: il risparmio energetico.
Qualcuno potrebbe però obiettare che per risparmiare energia serve un investimento iniziale. Questo è vero, però chi l'ha detto che deve essere il comune a tirare fuori i soldi?

Il discorso è molto semplice. Il comune si rivolge a una ESCO (società servizi energetici) che provvederà tramite varie tecnologie (sostituendo lampioni che consumano troppo ecc) a dimezzare la bolletta elettrica e i costi di manutenzione. Parte del risparmio verrà dato alla società fino alla fine del pagamento dei lavori. Il resto del risparmio (e dopo 5/10 l'intero risparmio) finirà in tasca al comune che potrà spenderlo come meglio credere. In questo modo si potrà risolvere il problema dei fondi tagliati da Berlusconi senza per questo eliminare servizi, assistenza agli anziani ecc.

Qualche esempio? Le goodnews di Report di venerdì 22 ottobre erano dedicate a questo argomento. Nel programma hanno mostrato un paio di comuni che hanno risparmiato non poco con il procedimento appena descritto. Uno è il comune di Trezzano Rosa che è passato da 50.000 euro l'anno a 35.000 cambiando i lampioni e in più c'è da aggiungere un ulteriore risparmio sulla manutenzione!

Sul web si trovano parecchie informazioni, come una lista delle ESCO o la Federazione Italiana per l'uso Razionale dell'Energia.

Insomma risparmiare energia e inquinare meno oltre ad esere un dovere è anche conveniente.