2 maggio 2005

Sbattezzo

Una volta da piccolo mi hanno versato dell'acqua in testa. Subito dopo il mio nome è stato aggiunto ad una lista: il registro dei battezzati. Chi compare in questa lista è considerato come aderente alla confessione religiosa denominata "Chiesa cattolica apostolica romana".
I miei genitori pur non "credenti" hanno deciso di battezzarmi perchè all'epoca chi non era battezzato poteva avere qualche "problema", per esempio a scuola o in altre circostanze.
Per fortuna oggi le cose sono un po' cambiate.
Io non mi sento cattolico però sono considerato tale. Ho poi scoperto che il numero dei battezzati viene usato nelle statistiche per calcolare il numero dei cattolici (quanti battezzati esistono che non si considerano cattolici?... tanti.).
Per coerenza e per correttezza ho deciso quindi di essere cancellato dal registro.
Il discorso è complesso ma ho scoperto che grazie alla legge per la tutela della privacy qualcosa si può fare. Tale legge permette di essere cancellato da un qualsiasi registro, compreso quello dei battezzati.
Sul sito dell' UAAR ho trovato le istruzioni (oltre ad altre valide motivazioni) per effettuare lo sbattezzo. Ci sono riuscito senza tanti problemi, e da qualche giorno ufficialmente non sono più cattolico (anche se ufficiosamente non lo ero da una vita).
A qualcuno potrà sembrare poco, ma io mi sento un pizzico più libero.
Spero un domani che le persone non battezziono i figli o si sposino in chiesa per il semplice motivo che lo fanno tutti, ma perchè lo vogliono veramente: perchè lo sentono.
Io per esempio mi sono sposato in chiesa perchè lo voleva mia moglie, ma l'ho fatto come ateo. Molti non lo sanno ma si può fare. Quindi chi vuole essere coerente con se stesso lo può fare. E' faticoso, ma ne vale la pena.

33 commenti :

  1. Per la Chiesa rimani battezzato, ed effetivamente se ti hanno battezzato da piccolo SEI battezzato. Però se toglierti dal registro ti fa sentire più libero...

    RispondiElimina
  2. E chiaro che non posso cancellare una cosa fatta. Sarebbe a mio parere giusto fare in modo di poterlo annullare (è possibile annullare un matrimonio ad esempio).

    Purtroppo tale metodo non c'è. Esiste solo questo escamotage sfruttando la legge sulla privacy.

    Ho perso tempo? 10 minuti per mandare una lettera vale la pena buttarli.

    Se per la chiesa rimango battezzato non mi interessa. Non esserlo per lo stato italiano è già un buon risultato.

    RispondiElimina
  3. Ciao sono del MeetUp di Torino...Ma siete sicuri che anche solo l'escamotage non sia sufficiente a rendere impossibile alla chiesa di usarci come numeri a fronte di spartizioni percentuali tipo 8x1000 o altro? a me pare sia cosi', chi se ne fo**e se per loro resto un amina candida, a me interessa che nn possano dire e sfruttare che in italia siamo tutti cristiani cattolici praticanti ecc ecc...

    RispondiElimina
  4. Ciao Alex. Perchè parli al plurale? Io sono solo.

    Comunque l' 8 per mille è una storia diversa:
    leggi qui

    RispondiElimina
  5. "Per la Chiesa rimani battezzato, ed effetivamente se ti hanno battezzato da piccolo SEI battezzato. Però se toglierti dal registro ti fa sentire più libero..."

    Non è solo una questione di "sentirsi libero" , è pura ipocrisia far parte della chiesa cattolica senza credere in alcunche delle loro funzioni religiose!
    Non sono contrario ai contraccetivi [l'africa ringrazia la chiesa per non aiutarli a salvare milioni di persone dall'AIDS], non sono contrario all'aborto, non sono contrario all'eutanasia... e io dovrei farne parte? di una immensa e ricca società che copre preti pedofili [non sono dicerie, è provato], chiusa alla scienza in favore del trascendentale?
    suvvia, è finità l'eta delle favole dove le persone volano e moltiplicano il pane!
    Se non si crede, non si deve essere battezzati!
    In germania per esempio hanno risolto il problema, se si paga l'8x1000 [l'equiavalente all'8x1000] ad una religione, allora si fà parte della religione, altrimenti no!
    Qui ti marchiano a fuoco prima di poter decidere!

    p.s. sono in attesa della rispota dal mio parrocco...

    RispondiElimina
  6. Grazie anonimo per aver espresso il tuo pensiero che condivido in pieno.

    RispondiElimina
  7. Ciao,
    io mi sono sbattezzato a maggio 2005 mia moglie (sposati con rito civile) a giugno 2005, mia figlia che adesso ha due anni e mezzo non l'abbiamo battezzata. L'abbiamo appena segnata all'asilo che inizierà a settembre. Lo sapevate che già all'asilo inizia l'indottrinamento della chiesa cattolica? Abbiamo richiesto di non sottoporla al lavaggio del cervello! La maestra ci ha detto che è la prima volta che capita in questo asilo! Bene bene bene, non vedo l'ora di litigare con qualche insegnante di religione è dal liceo che non lo facco più! Io e mia moglie siamo atei da tantissimi anni e l'occasione dello sbattezzo ce la illustrò un amico diversi anni fa, ma all'inizio sembrava quasi una burla o una protesta goliardica. Poi ad inizio 2005 mi sono imbattuto nel sito dell'Uaar dove la pratica è spiegata in modo esauriente e serio, aggiungici le pesantissime ingerenze che il signor Ruini ha esercitato per il referendum sulla procreazione assistita e voilà! Abbiamo spedito le raccomandate! Cambierà poco o niente per la chiesa, ma vuoi mettere la soddisfazione? Essere credenti o meno è una scelta libera che deve essere rispettata, essere succubi del Vaticano no!

    Ad majora!

    RispondiElimina
  8. anch' io da oggi non faccio più parte della chiesa cattolica e ne sono molto felice, per tutti i motivi sopracitati da pantaraf. anche i miei 2 cuccioli (3 e 5 anni) non sono stati battezzati e non fanno religione ovviamente, viviamo nella libertà, crediamo nell'amore, nella natura, nella scienza e siamo felici...
    paola

    RispondiElimina
  9. volevo dire qualcosa riguardo l'intervento di pantaraf: lascia che tua figlia possa conoscere il mondo cattolico, poi spetterà a lei decidere cosa è meglio. Il metodo che ora hai di educarla è lo stesso lavaggio del cervello che volevi evitarle con "l'indottrinamento" all'asilo.

    RispondiElimina
  10. All'ultimo anonimo, volevo rispondere che va bene conoscere il mondo cattolico, meglio conoscere un po' tutte le religioni. Il guaio è che nelle scuole viene indottrinata un'unica fede, quella cattolica.

    A questo punto concordo con paranaf.

    RispondiElimina
  11. All'anonimo:
    in questo momento non sto facendo il lavaggio del cervello a mia figlia dato che a questa eta' (meno di tre anni) crede a qualsiasi cosa le racconti, quindi me ne guardo bene dato che ho un grandissimo rispetto per lei. Quando crescera' potra' scegliere liberamente in cosa credere o meno e se seguire religione a scuola. Ma PRETENDO che nessuno le inculchi dei miti/favole/leggende che hanno il solo scopo di preservare i privilegi ed il potere della classe ecclesiastica.

    Ciao

    RispondiElimina
  12. Il cervello di un bambino è plasmabile. Se non saranno i genitori a farlo saranno altri: tv, amici, maestri, preti ecc.

    Un genitore ha l'obbligo di scegliere per il proprio figlio, non lo si può lasciare libero, da solo non crescerà. Se prendi un bambino e lo lasci nel bosco crescerà come un animale (è successo). E' la cultura che crea i comportamenti di una persona, misto ovviamente a predisposizioni genetiche.

    Ma così come i geni sono sempre i genitori a dover principalmente trasmettere la cultura ai figli e loro a decidere quale cultura.

    Pantaraf io sono pienamente d'accordo con te, così come lo sono di coloro che indottrinano i loro figli nel cattolicesimo. Ognuno è libero di scegliere fin quando ciò non mini la libertà altrui.

    RispondiElimina
  13. Sbattezzarsi? Invio oggi la domanda. In ogni caso è disarmante la pochezza intellettuale e etica di chi sosotiene che l'imposizione del battesimo (un po' d'acqua sulla testa) ti renda cattolico a vita. Questa impostazione dei fatti - oltre ad essere del tutto irrazionale e priva di qualsiasi fondamento logico - è bacata anche se vediamo le cose "spiritualmente". La religione cattolica è un accrocco di precetti, morale, e codicilli che pare più un regolamento giuridico. «Dato che t'hanno versato dell'acqua in testa, magari senza convinzione, magari solo per opportunismo, magari solo per evitare rotture di coglioni, ecco, tu sei una pecorella di dio».
    Ma dai! E tu Elia, a parte la presunzione, ma ci hai mai pensato che imporre qualcosa è sempre una forma di violenza?
    In ogni caso, fuori dal baraccone della chiesa, che così come è oggi - fumoserie religiose a parte - è davvero un organismo di potere deprecabile.
    Fiero di non aver battezzato mio figlio e di non impedirgli di sentire le fregnacce che gli dicono a scuola (già dall'asilo quele spacciatrici di menzogne di suore si infiltrano come virus nelle scuole) che già da solo capisce. Mia ex moglie, che veniva da un paese con ateismo di stato, s'era fatta battezzare a sedici anni. Poi quando ha capito meglio, ha fatto non una, ma due marce indietro...

    RispondiElimina
  14. Non credo che essere battezzati oppure no possa fare una grande differenza, molto tempo fa era un rito iniziatico e non si faceva alla nascita, dato poi l'elevato tasso di mortalità infantile, nel medioevo si cominciò ad anticiparlo per evitare che le famiglie fossero criticate per essere in odore di eresia ed aver lasciato un loro figlio fuori dal paradiso. Ma anche ciò ha un senso strumentale, infatti si è discusso per secoli su come modificare la dottrina al fine di renderne le maglie il più strette possibile: il risultato è sotto gli occhi di tutti: una ineffabile macchina da guerra per macinare potere e ricchezza.
    La dottrina dei primi anni per esempio prevedeva la reincarnazione, prevedeva inoltre la non necessità di un clero: facciamo due conti, se non c'è bisogno di un prete che giudica e si può sbagliare al fine di imparare, che mondo avremmo oggi sotto i piedi?
    forse uno un pò più sereno.

    RispondiElimina
  15. Ehi, ciao. La scorsa settimana ho chiesto anche io la cancellazione dai registri, e proprio questa mattina mi è giunta la comunicazione da parte del parroco che dice di aver assecondato la mia richiesta. Volevo sapere quanto tempo passerà (più o meno) per avere la comunicazione ufficiale da parte della curia. Grazie molte.

    RispondiElimina
  16. A me è arrivata solo la comunicazione dal parroco.

    RispondiElimina
  17. io mi sono "sbattezzato" da un paio di settimane. devo ammettere che è una bella soddisfazione, non tanto perché non mi sento più cattolico, visto che basta deciderlo e finisce lì, quanto perché si tratta di un atto formale di protesta che posso esibire con orgoglio, un simbolo materiale della mia coerenza e uno smacco alla chiesa cattolica, rappresentata in quel momento dallo scandalizzato prete di turno che ha dovuto annotare la mia scelta. ah, quanto avrei voluto esserci per godermi la scena!

    RispondiElimina
  18. Che schifo volevi esserci per vedere cosa??? A nessun sacerdote importa della tua misera vita senza senso !!!
    Annotano facendosi 4 risate, senza alcun problema, magari poi dopo che ti cancellano un po dispiace loro e forse pregano per te !!!

    RispondiElimina
  19. Grazie Anonimo per il tuo commento costruttivo e non offensivo. La mia vita ha senso tanto quanto la tua.
    Se i sacerdoti pregano o no per me ti assicuro non farà nessuna differenza nella mia vita. L'importante è che quando fanno la conta per sapere quanti seguaci hanno, io non sia presente.
    Ciao.

    RispondiElimina
  20. CIAO a tutti...vorrei un vostro consiglio.Io non sono stata battezzata,i miei genitori non l'hanno fatto per lasciami decidere da sola una volta diventata grande.Io cmq sono credente ma non mi va l'idea di appartenere ad una religione..di avere degli obblighi insomma...non ci si sente liberiin questo modo.Voi cosa mi consigliate?Nel mondo sociale la mia situazione va bene?Nel rapporto con gli altri?Io vivo in un paese piccolo..Da bambina ho partecipato alle messe ed altro....Aspetto vostre notizie,grazie.Baci.nuvoletta

    RispondiElimina
  21. Nuvoletta, se non vuoi far parte della chiesa cattolica non battezzarti.
    Se non vuoi far parte di un partito politico non ti ci iscrivi.

    Credere in Dio non significa dover appartenere per forza ad una o altra religione.

    RispondiElimina
  22. Grazie Bricke per avermi risposto..è vero quello che dici!Secondo te l'influenza dela Chiesa nella società ha molto valore?Credere in Dio è una questione più interiore ed individuale..ma perchè allora i preti hanno bisogno di uno "scripta manent"?Tu ti trovi bene così ora?Baci...

    RispondiElimina
  23. Discorsi complessi difficili da affrontare in poche righe su un blog.

    Comunque:

    Non credo nelle religioni, non credo in un Dio così come lo espongono loro. Che ci sia una forza, energia, entità da cui tutto è partito è una domanda a cui è impossibile rispondere, e sinceramente non mi pongo il problema. Ho una visione più agnostica che atea, se proprio vogliamo trovare un'etichetta.

    I preti, o meglio, l'istituzione "CHIESA" ha bisogno di seguaci altrimenti non esisterebbe.

    Le chiese sono molto influenti nella società civile e politica. Non lo dico in termine solo negativo, ma è un dato di fatto inconfutabile. Per esempio, per la chiesa Cattolica io non ho la proprietà della mia vita e non posso scegliere come morire (vedi testamento biologico), perché secondo loro la vita è un dono di Dio e solo lui può decidere. Per loro anche se IO in Dio non ci credo mi dovrei attenere al loro ragionamento. Questo è il motivo per cui non riusciamo ad avere un testamento biologico decente in questo paese. E' solo un esempio spiegato in poche righe.

    La scelta che ho fatto, ossia di richiedere l'annotazione di cancellazione dall'elenco dei battezzati, è una questione principalmente di principio, di coerenza. Ed anche pratico visto che il numero di aderenti alla chiesa cattolica viene proprio presa dall'elenco dei battezzati.
    E' come se per sapere chi usa Facebook prendessi il numero degli iscritti invece del numero di visitatori in un arco di tempo: c'è chi si è iscritto a Facebook e poi non l'ha più usato.

    RispondiElimina
  24. Si su molte cose che dici sono d'accordo con te Bricke!Ma perchè la Chiesa catt.prende riferimento i battezzati per individuare il numero di cattolici,se poi non è realmente così??8e lei lo sa!)Tu hai idea di quanti cattolici reali ci sono,indipendentemente dal sacramento?Credo che sia tutta una questione d'interessi per loro..a costruire solo un regno..Certo però non bisogna farne di tutta l'erba un fascio..Poi qui in Italia la gente sembra ottenebrata.mah!Tu dove vivi?Baci

    RispondiElimina
  25. Difficile stabilire quante persone siano cattoliche praticanti e quanti hanno ricevuto solo 1 o più sacramenti.

    Di fatto se sei battezzato sei cattolico. Anche se ti "sbattezzi" rimani battezzato per loro: un sacramento non si può cancellare.

    Il registro dei battezzati è l'unico documento sul quale fare statistiche, se poi è gonfiato tanto meglio. Più sei, o più dimostri di essere, più sei influente.

    Ripeto, è tutto molto più complesso di come lo racconto, però difficile da approfondire nel dettaglio, ed è comunque semplicemente la mia opinione.

    RispondiElimina
  26. ..ciao Bricke!Ora che sei sbattezzato ti trovi bene in società?E all'estero la situazione con la religione com'è?Essere succubi della Chiesa catt.può compromettere una certa posizione sociale?Baci..

    RispondiElimina
  27. Per fortuna la chiesa è influente nella politica, ma non nella società. Nel lavoro e nei rapporti personali il fatto che sia o meno battezzato non cambia assolutamente nulla.
    Ogni tanto è frutto di una sana "discussione" esattamente come quella che stiamo facendo noi qui :)

    Per quanto riguarda l'estero non ti saprei dire con esattezza, anche se sono mezzo inglese non ho mai vissuto per lunghi periodi. Ma parlando con mia madre ed avendo informazione tramite i media ed il web è molto evidente come il fatto che la chiesa cattolica è più influente qui in Italia che altrove.

    RispondiElimina
  28. ...grazie per avermi risposto Bricke!Quindi da quanto ho capito tu ti senti bene così!Ma secondo te da quanto sai,le cose cambieranno?Insomma la Chiesa prima o poi si rintanerà solo nel suo mondo?Baci..

    RispondiElimina
  29. La chiesa non si deve rintanare da nessuna parte. Ognuno deve essere libero di seguire la religione che vuole, basta che io sia libero di non farne parte e di non seguire i loro precetti. Qui sta la difficoltà.

    RispondiElimina
  30. ..Quindi ora tu ti senti libero da ogni forma religiosa?Ad esempio c'è mio papà che ha tutti i sacramenti cattolici ma da anni non ne fa più parte,insomma non partecipa più alle diverse funzioni di Chiesa..ma lui tu credi che sia ancora suddito della chiesa cattolica?Io sono d'accordissimo con te,Bricke,sul fatto della libertà religiosa di ognuno di noi...in fondo la fede è frutto di una libertà di coscienza...Baci.

    RispondiElimina
  31. Ciao a tutti, sono Melissa.
    Non sopporto la politica, 4 ladri messi in fila. Ma ancor peggio e' la chiesa, il vaticano, il papa!
    Oltre a non condividere l'ipocrisia della chiesa, non condivido molti suoi principi.
    Sono favorevole all'eutanasia
    Sono favorevole all'aborto
    Sono favorevole all'uso di anticoncezionali
    Sono favorevole al divorzio
    E sopratutto, non considero gli omosessuali come persone "malate" ma come esseri normalmente umani che meritano tutti i diritti che abbiamo noi!

    Maledetto vaticano, maledetta chiesa.

    Non voglio piu' averci nulla a che fare.

    Domani inviero' il modulo per lo sbattezzo.

    E a chi dice che non serve a nulla, rispondo che siamo in uno stato pseudo democratico e ognuno e' libero di vivere nella coerenza o nella menzogna!
    Io scelgo la coerenza!

    RispondiElimina
  32. Coerenza contro ipocrisia. Brava Melissa!

    RispondiElimina
  33. I cattolici rivendicano le loro libertà in base ai nostri principi e negano le nostre libertà in base ai loro principi...

    Lo sbattezzo é utile perché il vaticano brandisce come una clava il numero dei battezzati (gonfiato in modo truffaldino tanto che in alcune diocesi figurano molti più battesimi che nascite e non bastano gli adulti battezzati a giustificare la discrepanza...).

    RispondiElimina