13 maggio 2005

Sindrome dei balcani

I ministro della difesa Martino dice che non esiste scientificamente il nesso tra l'uranio impoverito e i militari o civili morti dopo essere stati esposti nelle zone bombardate a questo genere di particelle.
Attraverso il sito di Beppe Grillo (è incredibile che devo andare a cercare siti interessanti su un blog di un comico) sono venuto a conoscenza di un progetto finanziato dalla comunità europea volto a determinare la pericolosità delle cosidette nanoparticelle.
Il progetto si chiama Nanopathology e sul sito c'è un'ampia sezione dedicata alla sindrome dei balcani.

Precedenti post sull'argomento:
L’uso di armi ad uranio depleto (DU)
Uranio impoverito forse una piccola svolta
Armi di distruzione di massa
Report