22 giugno 2006

Referendum

"La Commissione Servizi e Prodotti dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha diffidato Mediaset “a non continuare la trasmissione di spot informativi che per la parcellizzazione e l’incompletezza delle informazioni fornite enfatizzino aspetti particolari della complessiva consultazione referendaria".

Io ho visto lo spot, praticamente parlava solo del fatto che sarebbero stati ridotti i parlamentari, unica cosa che farebbe felici tutti, addirittura le prime versioni dello spot mettevano il simbolo dell'euro sopra ogni parlamentare per enfatizzarne il risparmio economico.

Secondo me la costituzione dovrebbe essere toccata solo a grande maggioranza del parlamento e solo chirurgicamente. E non è giusto chiedere il parere del popolo contemporaneamente per tutti questi aspetti. A me per esempio un po' di devoluzione non dispiace, ma sanità e scuola non devono essere differenti da regione a regione. Troppi poteri ad una singola persona è pericoloso.

In ogni caso se n'è parlato troppo poco nei media, dando grande risalto alle varie intercettazioni. Basta vedere che su Google cercando referendum vengono fuori siti che parlano del vecchio referendum sulla fecondazione assistita. E pensare che la costituzione sarebbe molto più importante.

Berlusconi poi ci ha messo del suo ed ha fatto diventare questa decisione un voto politico: "votare si per dire no ai comunisti".

Che dire allora, ci sono parecchie ragioni per votare NO ed è quello che farò.