2 settembre 2007

Rinnovabili in Europa, Italia leader del geotermico

Stavo dando un'occhiata ai dati forniti dalla commissione UE della produzione di energia rinnovabile in Europa.
L'obiettivo europeo è quello di produrre entro 3 anni (2010) il 21% di energia rinnovabile, attualmente, dati gennaio 2007, siamo a quota 14,5%.

Austria, Svezia e Lettonia sono avanti a tutti rispettivamente con 57, 52 e 44 percento.
Seguono Slovenia e Portogallo al 29% e Danimarca, Finlandia a 27, 25%. L'Italia è a quota 16%.

Sarebbe interessante comparare questi dati con quelli di popolazione e superficie, se qualcuno volesse cimentarsi potrebbe prendere i dati su Wikipedia.

E' assodato che il futuro dell'energia sarà formato da un mix, non un unica fonte come oggi, ma un miscuglio che dipende dalla conformazione del paese di produzione.

La fonte che cresce maggiormente è quella eolica, l'UE produce il 60% di energia eolica a livello mondiale. Altra fonte emergente, anche se bisognosa di maggiore innovazione, è il fotovoltaico, qui il leader è la Germania. Anche noi siamo primi in qualcosa: sfruttando il nostro terreno, le nostre "terme", produciamo il 95% di energia geotermica di tutta l'Europa.

E' ora di rimboccarsi le maniche, e di togliere il primato del fotovoltaico alla Germania, sfruttiamo l'incentivo statale del conto energia, potremmo mettere i pannelli sui nostri tetti praticamente gratis. Siamo o no il paese del sole?